Lavori in corso!!

lavori-in-corso.jpg

a causa di problemi tecnici, il blog dei giovani di SEL della Provincia di Lucca si prende qualche settimana di vacanza. Non vi lasciamo soli però! Tutte le nostre iniziative, gli appuntamenti li potete trovare su www.selprovincialucca.it, e potete sempre contattare i nostri circoli:

SEL – LUCCA
c/o circolo ARCI, via S.Gemma, 46 – Lucca
sel.lucca@gmail.com

SEL – PIANA DI LUCCA
(indirizzo da definire)
sel.pianalucca@gmail.com

SEL – VALLE DEL SERCHIO
via Pascoli, 7 – Barga
sel.valledelserchio@gmail.com
tel. 347-0758296

SEL – VERSILIA
c/o CGIL, Piazza Manzoni, 5 – Viareggio
sel.versilia@gmail.com

SEL – VERSILIA NORD
(indirizzo da definire)
tel. 346-5221491

a presto!!!

26 Febbraio

frant_Dise.jpg

26 Febbraio – Frantoio Sociale del Compitese

 

h.17.00 Una politica dei Beni Comuni ed un’agricoltura sostenibile per uscire dalla Crisi

dibattito con

Loredana De Petris - Coordinamento Nazionale SEL

Marco Del Pistoia - Condotta SLOW FOOD Lucca Compitese Orti Lucchesi

Piero Tartagni - Agricoltore. Presidente CIA Lucca

Alessio Ciacci - Assessore all’Ambiente del Comune di Capannori

 

h.20.00 Cena di sottoscrizione con prodotti tipici e a chilometri zero, sapientemente cucinati dalla batteria di cucina di SEL Piana

 

- Bruschetta coll’Olio bono

- Maccheroni Tordellati

- Maccheroni vegetariani

- Cardoni e Salsiccia o piatto vegetariano

- Fagioli e Patate arrangiate

- Dolci Casalinghi

- Vino delle Colline Lucchesi

15 €

per info e prenotazioni +393402766954

sel.pianalucca@gmail.com

Appello a Favilla di SEL sulle mense scolastiche

LUCCA, 5 febbraio – “Finalmente dopo nove mesi anche l’amministrazione comunale sembra rendersi conto che i motivi alla base della protesta dei genitori costituenti il Comitato PBPL sono fondati e su richiesta degli stessi ha accettato un tavolo di concertazione con la finalità di rivedere al ribasso la tariffa della mensa e verificare la qualità del servizio.

Sinistra Ecologia Libertà ritiene che la Scuola Pubblica sia un valore fondante della nostra democrazia e quindi rinnova la propria solidarietà e vicinanza  a questi cittadini che si battono mensa-scolastica-481x320.jpgper valorizzarla e difenderla;  a questo proposito si rivolge al Sindaco e agli altri amministratori evidenziando che il loro pregresso operato è stato a nostro parere viziato da un utilizzo degli strumenti come l’ISEE e gli indicatori di benessere non ortodosso. Non è possibile ricorrere a questo tipo di indagine e ottenere come risultato una restrizione numerica importante della platea richiedente la riduzione della tariffa.

Infatti, è noto che l’87% delle famiglie per effetto di questo regolamento avrebbe dovuto pagare la tariffa massima; ora nell’assemblea generale tenutasi Giovedì 27 Gennaio è emerso che il nostro Comune ha fronte di mancate entrate, abbia volontariamente “scaricato” sui bilanci familiari il costo della mensa ignorando il fatto che la stessa è un servizio essenziale pubblico. Arrivati a questo punto ci rivolgiamo al Sindaco Mauro Favilla  chiedendoli di farsi interprete di un necessaria e doverosa inversione di tendenza; una buona amministrazione si distingue per operare nell’interesse delle famiglie e saper offrire servizi pubblici efficienti e convenienti.

In questi giorni è apparso sulla stampa locale che alcuni migliaia di automobilisti (1.700 solo il primo giorno) riceveranno una  multa di 78 euro perché hanno viaggiato nella zona a traffico limitato senza il relativo permesso. Con questo meccanismo in un solo in un giorno il Comune raccoglie 1.700 X 78 = 132.000 euro. Dove andranno tutti questi soldi? Noi proponiamo di utilizzarli per abbassare notevolmente la tariffa dei buoni pasto nelle scuole ed asili.

Nell’assoluta convinzione che esistano ancora i margini, per trovare una equa soluzione ribadiamo l’impegno di Sinistra Ecologia Libertà a favore della scuola pubblica e dei servizi pubblici in generale“.

Sinistra Ecologia Libertà – circolo di Lucca

Un click per esistere

di Marisa Nicchi – SEL Toscana

Stamane ho avuto necessità di rivolgermi in un internet point del centro storico di Firenze. Il gestore è un amico con cui mi piace scambiare pensieri lievi di cultura e più pesanti di politica. Lui è un 0002.jpgarcheologo che, in attesa di fare il lavoro per cui ha studiato, gestisce questo luogo di andirivieni globale dove le tante chiocciole email smettono di essere segni virtuali e si manifestano con volti e corpi desiderosi di comunicare lontano e vicino. Con i propri cari nei paesi che hanno lasciato e con gli abitanti del quartiere.

Di “internet point” in Sant’Ambrogio ce ne sono tanti, di lì passa tanta vita, sono lo specchio di un quartiere “melting pot” nella realtà delle piazze, dei luoghi di ristoro, delle case private, dei campetti da calcio, delle scuole di ogni ordine e grado (a parte i licei classici appannaggio sempre di più e solo delle famiglie bene o colte “italiane” di Firenze).

Stamane nell’internet cafè c‘era più tensione. In particolare, si faceva notare Mor, un senegalese con occhi vispi e sorriso aperto che continuava a comprare più tempo per il collegamento internet e chiedeva aiuto al gestore che, però, doveva contemporaneamente rispondere al via vai dell’utenza.

E’ stato immediato propormi per un aiuto prima di capire la difficile prova in cui mi sarei ficcata e per cui perfino il “vispissimo“ senegalese aveva bisogno di una qualche collaborazione: vincere la lotteria di ottenere il permesso di soggiorno attraverso la vittoria della prima delle tre corse telematiche previste dal decreto flussi.

Un diritto di esistenza veniva affidato al click del mouse. Accanto a Mor collegato per telefono con un “amico che 0001.jpgne sapeva di più” ho condiviso la difficoltà del percorso a cui oggi migliaia di stranieri si sono dovuti sottoporre. Una minima incertezza nel leggere un’istruzione, trascrivere un nome, un codice o un indirizzo e tutto si bloccava. E questo succedeva di continuo. Non a caso, molte meritevoli forme di sostegno sono state messe in campo dall’associazionismo democratico, accanto a probabili ciniche speculazioni. L’ennesima con cui gli immigrati devono fare i conti nel nostro paese.

La domanda che mi sono portata dietro lasciando Mor è: alla fine cosa accadrà? Non solo a lui. Chissà come finirà la regolarizzazione delle tante persone che curano gli affetti di noi nativi, chissà se tanti migranti potranno ricongiungersi con i loro cari, chissà se finirà la clandestinità a cui sono stati condannati tanti stranieri dalla politica della maggioranza attuale, quella della Lega che si vanta di essere “cattiva” e di respingere i barconi, mentre quella di Arcore si dà pena per il “caso” della giovane marocchina. Tutto avverrà in poco più di un minuto nei tre click-day che decideranno il diritto di esistenza di invisibili “criminalizzati” per calcolo elettorale e però “usati” per le nostre più scomode necessità. Dalle code indegne degli anni precedenti, siamo passati alla beffa del clik più veloce. Buona fortuna Mor.

(da www.sinistraeliberta.eu)

28 Gennaio: Sciopero Generale!

28_I_11.jpgIl Circolo della Piana di Sinistra Ecologia Libertà e Sinistra per Capannori aderiscono allo sciopero generale indetto dalla FIOM il 28 gennaio prossimo, al fianco dei metalmeccanici per il sostegno ai diritti ed alla libertà dei lavoratori, della carta costituzionale e della democrazia. Propongono inoltre ai cittadini un punto di ritrovo: presso il parcheggio della piscina comunale di Capannori venerdì 28 alle ore 7,45 per organizzare insieme a chi vorrà partecipare, la presenza alla manifestazione regionale che si terrà a Massa, in modo da ridurre il numero di auto necessarie e dare un punto di riferimento a coloro che vorranno essere presenti.

Giovanni Corazzi - SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ Circolo della Piana

Congresso Regionale

manifesto_base_1_leggero.jpg

 

Programma

SABATO 22

- ore 9.30 Registrazione delegati/e – Insediamento presidenza

- ore 10 Relazione introduttiva

Interventi ospiti e delegazioni

Nomina Commissioni

- ore 15 Dibattito

- ore 20 Sospensione dei lavori

DOMENICA 23

- ore 9.30 Dibattito

- ore 12 Intervento conclusivo

Votazioni documenti – Elezione organismi

 

Quanta paura fa il Panino Day?

Sinistra Ecologia Libertà si schiera a sostegno della lotta dei genitori che protestano contro il caro mensa e, a differenza dell’assessore Buonriposi, che giudica questi cittadini come “campane storte”, plaude al loro impegno e alla loro tenacia per difendere e valorizzare il servizio mensa erogato nella scuola pubblica.

I genitori vogliono un servizio di qualità ed un prezzo equo. Hanno ripetuto fino alla noia la domanda sul perchè a 159809_71787_medium.jpgfronte della realizzazione di un centro unico cottura, che logicamente avrebbe dovuto comportare una riduzione dei costi, si è ottenuto invece un aumento vertiginoso della tariffa (fino al 42%) e un peggioramento della qualità del cibo servito ai bambini. Ad oggi non è stata ancora fornita una risposta soddisfacente, anzi con notizia di ieri il Sindaco ci comunica che qualora il servizio mensa non dovesse essere ritenuto più necessario (?) l’amministrazione potrebbe provvedere a sospenderlo! Come mai nasce la necessità, proprio ora, di una puntualizzazione di questo genere? Forse si ha paura di una “esplosione” della protesta? I genitori ritengono il servizio mensa un servizio indispensabile e fondamentale per i propri figli, e sono queste le ragioni che li spingono ad attivarsi e a ricercare un dialogo con le istituzioni. Ci rincresce evidenziare ancora una volta come questa amministrazione dimostri di non ascoltare i propri cittadini. Nelle scuole del Comune di Lucca dove si è fatto il Panino Day l’adesione è stata pressoché totale, non si tratta quindi di qualche genitore “scalmanato”. Le richieste del Comitato sono chiare e giustificate.

E’ notizia di questi giorni che il comune di Montecarlo (Lucca) ha provveduto ad aumentare il costo del proprio servizio mensa; l’aumento è stato di circa l’8-9% (si passa, per esempio alla scuola elementare, da € 2,84 a € 3,10). Perchè il Comune di Lucca propone invece aumenti con percentuali a due cifre? Forse l’obiettivo è coprire le mancate entrate del comune gravando sui bilanci delle famiglie, già pesantemente colpiti dalla crisi economica? Tra l’altro le forze politiche che governano la nostra città hanno fatto della “riduzione delle tasse” uno dei loro principali cavalli di battaglia, e allora perché alla prova dei fatti non onorano i propri impegni?

La scuola pubblica va valorizzata e potenziata per sostenere lo sviluppo e la crescita della nostra società, e i servizi come la mensa dovrebbero rappresentare per una classe dirigente lungimirante e illuminata uno strumento per accescere la qualità della vita dei bambini e di tutta la comunità.


SEL – Circolo di Lucca

SEL: Più impegno degli enti locali per la tutela del territorio

“Gli enti locali devono essere le istituzioni capofila nel saper gestire e tutelare il proprio territorio con regolamenti frane23_800_800.jpgidonei e dall’altra parte il governo non dovrebbe attuare condoni come unica politica di sanatoria”.
Questa è la posizione del coordinatore Circolo di Sinistra Ecologia Libertà della Valle del Serchio, Beppe Rava, a seguito dei susseguirsi degli smottamenti e degli eventi franosi in genere che da tempo affliggono il territorio locale che stimola le amministrazioni locali e provinciali a prendersi le proprie responsabilità. “Ben sapendo – continua Rava – che i fondi provenienti dal governo negli ultimi anni si sono ridotti, siamo convinti che comunque spetti alle istituzioni locali, a partire dai comuni, province e regioni, nel saperli gestire in serie politiche di prevenzione che riescano a far fronte alle eventuali calamità. Calamità che dovrebbero avere un tratto di eccezionalità, invece che di quasi annualità come ultimamente troppo spesso accade”.
A dar manforte alla tesi di Rava anche Lorenzo Borghesi e Costanza Maria Forli, giovani iscritti del circolo SEL che image.jpgaffermano: “Gli ultimi eventi natalizi come le frane del Sillico (Pieve Fosciana), Montebono (Barga), San Pellegrinetto (Vergemoli), Dalli (Sillano) che hanno costretto le popolazioni a parziale isolamento ed a innumerevoli disagi, sono solo degli esempi che sembrano ricalcare pari, pari gli eventi alluvionali di un anno fa”.
Nell’argomentazione del Circolo Sinistra Ecologia e Libertà della Valle del Serchio c’è un discorso più ampio di cura del territorio e in special modo dei boschi che spesso, secondo SEL, sono lasciati all’incuria che poi provoca dissesto idrogeologico.
“Ed a questo proposito – dice Rava insieme a Borghesi e Forli – i piccoli impianti a biomasse comunali, da non confondere con grandi impianti industriali (tipo ALCE), posso servire con la raccolta della legna, effettuando le pulizie dei boschi e dei versanti che attualmente risultano abbandonati”.
“Un altra proposta positiva per la cura del territorio a nostro avviso – continua Rava – è la norma che sarà inserita nel futuro regolamento urbanistico del comune di Barga, dove per la zona collinare e di montagna i proprietari di nuove e vecchie abitazioni dovranno avere l’obbligo di residenza per almeno 20 anni, e la manutenzione del territorio circostante”.
Il neonato circolo SEL della Valle del Serchio, che si è costituito lo scorso ottobre, fra le sue attività ha in programma l’organizzazione di incontri su temi ambientali, fra i quali la presentazione di uno studio sulle variazione climatiche e la piovosità della Valle del Serchio negli ultimi 15 anni circa, effettuati da ricercatori del CNR finanziati dall’Università Australiana.
In futuro sono in programma anche altri incontri su comfort abitativo, l’efficienza energetica e la conseguente tutela del clima.

Circolo Sinistra Ecologia Libertà Valle del Serchio

Apre la campagna elettorale per la rielezione di Baccelli alla Provincia di Lucca

LUCCA, 1 gennaio – «Piena fiducia a Stefano Baccelli per un nuovo mandato alla guida della Provincia di Lucca per garantire la crescita e lo sviluppo sociale ed economico del territorio.

Stefano_Baccelli.jpgÈ questo, in estrema sintesi, quanto emerso dalla riunione tra i rappresentanti della coalizione che sostiene il governo dell’Amministrazione Provinciale e il presidente Baccelli. Tutti, dal Partito Democratico all’Italia dei Valori, da Sinistra Ecologia Libertà alla Federazione della Sinistra – Rifondazione Comunista e Comunisti Italiani-  fino al Partito dei Pensionati Democratici, hanno dunque espresso la volontà di proseguire su questa linea, accogliendo la proposta dello stesso Presidente della Provincia di avviare, fin dalla metà di gennaio, una serie di forum tematici: una sorta di confronto aperto con la cittadinanza, con le associazioni e le rappresentanze culturali, sociali ed economiche, sui principali temi che saranno al centro del programma e dell’azione di governo della Provincia per gli anni a venire.

Il Presidente della Provincia ha riconosciuto alle forze politiche del centro sinistra di aver dimostrato in questi anni  ed in continuità con i precedenti mandati amministrativi, grande senso di responsabilità, di forte coesione e di attenzione alle problematiche del territorio provinciale.

Nel corso della riunione, Stefano Baccelli e i rappresentanti delle forze politiche hanno ravvisato l’esigenza di arricchire la coalizione con il contributo di  gruppi ed associazioni di cittadini espressioni del mondo della cultura, del volontariato, dell’ambientalismo, delle professioni e della società civile».  
 

Partito Democratico

Sinistra Ecologia Libertà

Italia dei Valori

Federazione della Sinistra

Partito Pensionati Democratici